Il Counselling

Che cos’è il counselling sistemico

 E’ un intervento svolto da un professionista formato alla professione di counsellor che utilizza competenze e abilità comunicative, relazionali e sociali per accogliere, ascoltare, orientare, informare le persone che gli si rivolgono, e renderle più capaci di operare scelte, di prendere decisioni autonome, di fronteggiare situazioni difficili.

Il counselling è una risposta professionale alla richiesta di una persona che avverte l’esigenza di un affiancamento competente in una fase particolare della sua vita, o nell’affrontare i cambiamenti legati ai cicli di vita personali e familiari.

Non ha caratteristiche di sostegno psicologico o di intervento psicoterapeutico.

E’ un intervento di facilitazione e di sviluppo delle risorse della persona che consente di

  • Affrontare un cambiamento o una situazione imprevista

  • Riesaminare una situazione complessa

  • Vagliare ipotesi, opportunità, opzioni

  • Orientarsi verso una decisione

  • Riorganizzare e completare le informazioni necessarie per agire

  • Ridefinire le esigenze e le aspettative

  • Esplorare e valutare le ipotesi e le possibilità di altri interventi

  • Utilizzare al meglio le risorse personali e quelle dei sistemi di riferimento

L’intervento di counselling sistemico utilizza la narrazione del cliente per attivare/incentivare le capacità di risposta alle difficoltà e la ricerca di soluzioni creative mediante:

  • la ricognizione delle informazioni esistenti e delle soluzioni tentate

  • la collocazione delle ipotesi di soluzione all’interno del sistema in cui dovrebbero attuarsi

  • l’individuazione di tutto ciò che rende difficile il cambiamento o il superamento del problema (ostacoli concreti, regole del sistema, previsioni negative, limiti all’azione ecc.)

  • la moltiplicazione delle ipotesi

  • la definzione di obiettivi concreti e sostenibili.

Il counsellor sistemico è preparato ad intervenire con singoli, con gruppi e in tutti i sistemi complessi, tenendo conto delle loro regole e delle loro effettive possibilità di modificazione. L’intervento di counselling facilita la comparsa di ipotesi nuove e realizzabili e favorisce i cambiamenti possibili.

Nella definizione di counselling adottata da CHANGE, l’intervento di counselling si basa sulla convinzione che il cliente, anche nel momento in cui chiede l’aiuto di un professionista, disponga di capacità e competenze che gli permettono di individuare le modalità più adeguate per fronteggiare la situazione o la fase di vita che sta attraversando.

Il counsellor parte da una ipotesi di normalità e vede nella richiesta di aiuto da parte del cliente, non il sintomo di un problema o di una inadeguatezza, ma l’inizio della ricerca di un equilibrio personale e familiare più sostenibile.

Il counsellor sistemico utilizza competenze antropologiche, pedagogiche, retoriche, psicologiche, narrative e sociologiche.

Le caratteristiche essenziali dell’intervento di counselling sono:

  • Il rispetto della richiesta del cliente

  • La consapevolezza degli effetti delle proprie comunicazioni

  • La chiarezza e la condivisione degli obiettivi dell’intervento in generale, e di ogni atto comunicativo in particolare.

L’intervento del counsellor è regolato da norme etiche e deontologiche per la tutela della dignità e della riservatezza del cliente e per il rispetto dei limiti della relazione professionista-cliente.