Curriculum Silvana Quadrino

Psicologa, psicoterapeuta sistemica, counselor.
Iscritta all’Albo Psicoterapeuti della Provincia di Torino (iscrizione n° 835 del 23/09/89)
Iscritta ad Assocounseling come Supervisor Counselor – Trainer Counselor (n. di iscrizione A1266-2013).

Laureata in pedagogia, specializzata in psicologia clinica e dell’età evolutiva, si è formata alla scuola di Terapia Familiare di Milano negli anni ’70, quando la psicoterapia della famiglia era ai suoi primi passi. Ha affiancato fin dall’inizio della sua attività il lavoro di formatrice a quello di psicoterapeuta, arrivando alla convinzione che tutti i professionisti che utilizzano la comunicazione come strumento di lavoro devono poter apprendere a gestirla con efficacia anche in situazioni complesse, evitando invii impropri allo psicologo o allo psicoterapeuta.
Nel metodo che ha costruito all’interno di CHANGE il counselling è inteso some intervento non specificamente o prevalentemente psicologico, ma come un intervento di alta qualità sul piano relazionale e comunicativo, realizzabile da ogni professionista adeguatamente formato ad applicarlo.

Nell’attuale struttura di CHANGE si occupa della formazione dei counsellor nel corso triennale ,nei laboratori di colloquio e nelle supervisioni. E’ responsabile della progettazione della attività formative e degli interventi di counselling in tutti gli ambiti della sanità.

Nel 2011 ha preso parte con Giorgio Bert alla fondazione della Associazione Nazionale Slow Medicine, all’interno della quale è responsabile delle relazioni esterne e della comunicazione.

  • Si definisce volentieri: un’indisciplinata semiorganizzata
  • Dedica il tempo libero a: immaginare i romanzi che scriverà quando avrà del tempo libero
  • L’autore che rilegge più volentieri: l’autore importante di questo momento della sua vita è Almudena Grandes
  • Il film che non smette di rivedere: A qualcuno piace caldo
  • Una frase che vorrebbe avere detto: Tutti hanno il diritto di essere fessi, ma c’è chi ne abusa (vecchio detto napoletano)
  • Non tutti sanno che… ha un padre napoletano e un’infanzia da figlia di immigrati (a Torino negli anni ’40 essere meridionali non era chic); ha cominciato a scrivere e pubblicare (poesie e racconti) a 8 anni; sognava di diventare giornalista; è nonna di 3 nipotini.